TRADUTTORE

lunedì 30 marzo 2015

BISCOTTI MIELE E UVETTA


Oggi decidi per una pausa pranzo alternativa. Complice anche la giornata tiepida ti accomodi all’aperto su una poltroncina di quella deliziosa caffetteria sotto i portici. Ordini un toast e una tisana al finocchio (che bello, non ti guardano strano!) e accendi il tablet. Non hai ancora aperto la pagina del tuo blog che già l’ordinazione è sul tavolo. La titolare si intrattiene chiedendoti come ti trovi nella nuova sede, se ti piace il paese, se incontri tanto traffico…Dopo qualche minuto  riesci ad affondare i denti nel pane, ormai poco croccante e anche un po’ freddino ma ti consoli dicendoti che le relazioni sociali sono importanti! “Buongiorno signora A! Ha visto che bella giornata?” La signora Ebe, carica di sporte, si siede al tuo tavolo per riprendere fiato e intanto ti racconta che una volta, proprio dove adesso prospera questo locale, c’era una drogheria. E di fronte “lì davanti due ghè (dove c’è) la farmacia? Lì ghera el prestiné (lì c’era il panettiere)”. Mentre ti invita a mangiare “se no el vegna frech” (altrimenti viene freddo) ti racconta aneddoti della sua gioventù. Ha iniziato a lavorare giovanissima, partiva dal paesello e arrivava fino a Milano dove era segretaria in uno studio notarile. Ha studiato la Ebe, era l’unica tra le sue amiche ad aver conseguito la licenza media. Ti confessa che si è sposata giovanissima perché già gravida ma che ha sempre detto al mondo che il figliolo (el farmacista, dichiara con orgoglio!) è nato settimino.

BISCOTTI AL MIELE E UVETTA

Ammorbidire una manciata di uvetta in una tazza di acqua tiepida. Nel frattempo mescolare 270 gr di farina, 100 gr di zucchero, 1 bustina di vanillina, 1 cucchiaino di lievito, 1 uovo e 80 gr di burro morbido. Aggiungere 2 cucchiai di miele e l’uvetta ammorbidita e lavorare l’impasto fino a formare un panetto omogeneo da far riposare in frigorifero per 30 minuti. Trascorso questo tempo ricavare i biscotti della forma desiderata e cuocere in forno a 180° per 10/12 minuti.

Inutile dire che la tua consumazione è stata offerta dalla signora Ebe, contrita per averti sommerso di chiacchiere per tutta la durata del pranzo.


7 commenti:

  1. Pausa con chiacchierata :)
    Golosissimi i tuoi biscotti, li proverò!!
    Un abbraccio!!

    RispondiElimina
  2. CHE BELLO CHIACCHIERARE CON QUALCUNO!!!!OTTIMI I TUOI BISCOTTI!!!BACI SABRY

    RispondiElimina
  3. A volte mi capita di andare fuori città per lavoro e di pranzare da sola in qualche caffè o trattoria: sempre riesco a far quattro chiacchiere con qualche signore/ra del posto. E' piacevole!
    Golosi i biscotti! ideali da inzuppare nel tè delle cinque! :-)

    RispondiElimina
  4. Bellissimo incontro e golosissimi questi biscotti, perfetti per una sala colazione, brava cara!!!

    RispondiElimina
  5. Per le prime giornate di sole all'aperto molto meglio la coinvolgente compagnia della signora Ebe che il freddo tablet.....poi con la tisana al finocchio digerisci anche il toast freddo!!!
    Deliziosi i biscottini al miele e uvetta...
    Baci

    RispondiElimina

  6. Estive a ver e ler algumas coisas, não li muito, porque espero voltar mais algumas vezes, mas deu para ver a sua dedicação e sempre a prendemos ao ler blogs como o seu.
    Com receitas deliciosas que algumas espero experimentar.
    Se me der a honra de visitar e ler algumas coisas no Peregrino e servo ficarei radiante, e se desejar deixe o seu parecer.
    Abraço fraterno.
    António.
    http://peregrinoeservoantoniobatalha.blogspot.pt/

    RispondiElimina
  7. Ciao Amelie, ma che simpatica la signora Ebe! Le hai portato un po' di questi deliziosi biscottini? Credo che sarebbe proprio contenta ;) Bacioni

    RispondiElimina

Grazie per le vostre parole...