TRADUTTORE

giovedì 16 gennaio 2014

TORTA SALATA DI PATATE, PROSCIUTTO E FUNGHI

Torta salata patate,prosciutto e funghi
Non accadeva da tempo. Il tuo pensiero era ormai lontano da corsi e riunioni fuori sede ma questo non significa che fossero cancellati dall’agenda lavorativa. Per cui stamattina ti sei alzata un’ora prima per poter essere in orario sul luogo convenuto dove incontrerai i soliti colleghi, assonati come e più di te, fintamente felici di rivedersi e di sciropparsi due ore di ordini imperativi sul nuovo – e come sempre utopico – budget annuale. Il bus extraurbano ti porta troppo velocemente alla stazione della metropolitana. Orde di venditori ambulati affollano il piazzale, autobus in transito vomitano sciami di bipedi che si affrettano a infilarsi nelle scale ripide e ancora troppo buie. Il sottosuolo ti accoglie abbagliandoti con luci artificiali e profumo di cornetti appena sfornati. Non capisci se il languore del tuo stomaco nasce dalla mancata colazione o dalla preoccupazione per l’impegno imminente. Sali sul treno ancora fermo, miracolosamente c’è ancora qualche posto libero per cui, fino alla stazione di interscambio, potrai stare seduta. Leggere? Meglio di no, di solito sei colta da attacchi di cinetosi. Guardi di sottecchi il capitale umano che ti circonda, brandelli di conversazione giungono fino a te, portando alle tue orecchie lamentele di giovani spose, confidenze di attempate signore, critiche sportive e luoghi comuni. Quelli più silenziosi sono, stranamente, i giovani. Gruppi di adolescenti chini sul loro smartphone, isolati dalle cuffiette, digitano freneticamente su tastiere virtuali. Ma non parlano, non ridono, non gridano. Qual è il loro linguaggio? Usano ancora il “vecchio” italiano composto anche da una gestualità esagerata ed esasperata dall’età? Il tuo tragitto termina in periferia eppure non sei riuscita a dare risposta ai tuoi quesiti. E ti ritrovi a osservare tuo figlio con più attenzione, gli rivolgi domande che a lui suonano strane: “ma certo che parliamo, mamma! Come? Ma normalmente, mica siamo marziani!” Già, non siete marziani. Anche se a volte pare.
Torta salata patate,prosciutto e funghi
Una torta salata accomuna età e gusti, riportando l’armonia. Trifolare 350 gr di funghi champignon, profumandoli alla fine con abbondante prezzemolo. Tagliare a fette sottili 4 o 5 patate (l’utilizzo della mandolina è utile e salvifico per le dita) con le quali foderare una teglia ricoperta di carta forno (bagnata e strizzata). Sovrapporre alle patate prosciutto cotto affettato sottilmente, i funghi trifolati e fette di formaggio tipo edam. Terminare la torta con un altro strato di patate. Cospargere con un mix di pane e grana grattugiati e abbondante origano. Irrorare con olio evo e infornare a 180° per 45 minuti. Servire tiepida.
Torta salata patate,prosciutto e funghi


Dedico questa ricetta a Daniela di Decoriciclo e al suo primo blog-pleanno.



 

5 commenti:

  1. Grazie Amelie! Per avermi dedicato questa meravigliosa ricetta, per la tua partecipazione e presenza nel mio spazietto e per la tua amicizia. =)
    A presto.
    Dani

    RispondiElimina
  2. Mi è piaciuto il tuo racconto, come sempre, quando passo di qui. Anch'io mi faccio domande simili quando vedo gruppi di ragazzini che sono insieme fisicamente ma ognuno immerso nel suo mondo virtuale... A volte anche noi, a casa, e mio marito va in bestia: siamo sul divano ognuno col suo smartphone... si gioca, si chatta, si risponde ad una mail... Però poi ci si racconta anche, ci si abbraccia e si ride. Perciò per il momento sono tranquilla: i miei figli forse sono ancora troppo giovani o forse sono proprio così, ma parlano con me e da quel che mi raccontano (e dal loro modo di scrivere, per esteso, senza k al posto di ch e con tutte le vocali al loro posto) capisco che comunicano ancora con gli amici nei modi "tradizionali". Io mi sono data una spiegazione semplice: quel che succede a casa succede fuori casa.
    Avrei proprio voglia di una ricetta con i funghi come questa, ma avendo un marito raccoglitore non posso cedere all'acquisto degli champignon! Aspetterò la primavera. Intanto me la segno...

    RispondiElimina
  3. Rustica e gustosa, che bontà!!!

    RispondiElimina
  4. Ciao Amelie, è sempre bello leggerti, questi racconti mi portano lontano, in una specie di mondo parallelo, anche se raccontano la vita di tutti i giorni. La torta poi è squisita. Bacione a presto

    RispondiElimina

Grazie per le vostre parole...